migliori ciclomotori

Migliori ciclocomputer per mtb e bici da corsa

I migliori ciclocomputer forniscono moltissimi dati utili per tracciare la propria performance e migliorarla costantemente. Questo strumento è uno dei migliori alleati per i ciclisti, ma ne esistono di diversi modelli e con prezzi che vanno da meno di 50 euro ad oltre 500, a seconda delle funzionalità offerte.

Abbiamo recensito di seguito i migliori ciclocomputer per mtb e bici da corsa, includendo modelli adatti a tutte le tasche e tutte le esigenze, per aiutarvi a trovare quello che fa al caso vostro.

Migliori ciclocomputer del 2022

Migliori ciclocomputerPrezzoGPS

Garmin Edge 830

Scopri

Garmin Edge 530

Scopri

CatEye Velo

Scopri

CycPlus G1

Scopri

Bryton Ryder 320E

Scopri

Coospo

Scopri

Migliori ciclocomputer: opinioni e guida all'acquisto

Nei paragrafi seguenti vi presentiamo le nostre recensioni dei ciclocomputer migliori in commercio, suddivisi per categoria: dai modelli con GPS e funzionalità avanzate a quelli più economici per chi ha un budget più contenuto. Scopriamo insieme i pro e contro e chi dovrebbe acquistarli.
  1. Garmin Edge 830
  2. Garmin Edge 530
  3. CatEye Velo Wireless
  4. CycPlus G1
  5. Bryton Ryder
  6. Coospo

Il ciclocomputer Garmin Edge 830 si presenta con delle innovazioni notevoli rispetto ai modelli precedenti della stessa linea, migliorando sensibilmente l’esperienza utente e la velocità nel calcolo dei percorsi. 

Iniziamo subito col dire che questo è il ciclocomputer per bici da corsa e mtb più costoso nella nostra classifica, ma anche quello che offre le migliori prestazioni e funzionalità. Se avete familiarità col modello precedente, l’Edge 820, sarete felici di sapere che la velocità del processore è notevolmente migliorata: il calcolo dei percorsi richiede pochi secondi, mentre prima richiedeva anche qualche minuto. Questo ha un grosso impatto durante il ricalcolo del percorso, perché non vi costringerà più a fermare l’allenamento in attesa del computer.

Il ciclocomputer Garmin Edge 830 tiene traccia della distanza e della durata percorse, della difficoltà della strada e offre mappe e informazioni sui sentieri che si stanno percorrendo. Molto interessante l’opzione ForkSight, che mostra le diverse opzioni quando ci si ferma ad un bivio, aiutando a scegliere.

La funzione ClimbPro è stata invece pensata per le salite e ne indica la distanza e il dislivello rimanenti man mano che si procede. Oltre a calcolare il percorso e i dati della vostra performance, il Garmin Edge 830 vi fornirà anche consigli di nutrizione ed idratazione, suggerendovi quanto dovreste mangiare e bere. Altre informazioni utili che fornisce sono l’ora, la temperatura, l’umidità e l’altitudine.

L’Edge 830 è dotato di GPS e touch screen. Ha solo tre pulsanti, due dei quali servono ad avviare e interrompere un’attività, mentre il terzo pulsante serve per accendere l’Edge o spegnerlo. Tutto il resto delle interazioni avviene semplicemente toccando lo schermo.

L’analisi dei dati vi mostrerà anche la difficoltà del vostro percorso, stabilita dal ciclocomputer Garmin in base ad un punteggio (facile: fino a 20 punti; moderato: da 20 a 40 punti; difficile: dai 40 punti in su).

PUNTI FORTI

  • Tantissime funzionalità, incluse alcune specifiche per mtb
  • Processore interno molto veloce
  • Display touch screen
  • GPS
  • Connettività Bluetooth e Wifi
  • Consigli di idratazione e nutrizione

PUNTI DEBOLI

  • Molto costoso
Batterie incluse:  Sì
Display: Touchscreen
Dimensioni display: 2.6”
Dimensioni: 8.1 x 2 x 4.8 cm

Se siete alla ricerca del miglior ciclocomputer GPS ma non avete il budget richiesto dal Garmin Edge 830, l’Edge 530 è l’alternativa che fa al caso vostro. Rispetto al suo cugino più costoso non ha il touch screen, ma le prestazioni e le funzionalità si mantengono ad un livello eccezionale e ad un prezzo molto inferiore. 

La durata della batteria è ottima, con circa venti ore di autonomia. Inoltre, questo ciclocomputer può connettersi tramite ANT+, Bluetooth Smart e WiFi. La facilità di navigazione è molto migliorata rispetto ai modelli precedenti, anche se scorrere sulla mappa attraverso i pulsanti non è certamente la stessa cosa che utilizzare la fluidità del touch screen. Tuttavia, i tempi di caricamento del percorso e della posizione sono molto rapidi grazie al processore più veloce.

Come il Garmin Edge 830, anche qui troviamo la funzione di analisi delle salite ClimbPro ed i consigli di nutrizione ed idratazione. Questi avvisi tengono conto non solo di parametri personali (come peso e sesso del ciclista), ma anche esterni, come temperatura ed umidità. Anche in questo modello, inoltre, è presente la funzione ForkSight, che mostra le diverse opzioni quando ci si ferma ad un bivio, e funzionalità specifiche per la mtb.

Il Garmin Edge 530 è uno tra i migliori ciclocomputer GPS, ma non è perfetto. La sensazione tattile dei pulsanti di navigazione potrebbe essere migliorata (un aspetto che infatti è al top nel modello Edge 830). Resta comunque uno dei ciclocomputer GPS col miglior rapporto qualità prezzo in circolazione per chi vuole acquistare un prodotto valido e affidabile.

 

PUNTI FORTI

  • Stesse funzionalità del modello top di gamma Edge 830, ad un prezzo inferiore
  • Funzioni specifiche per mtb
  • Processore interno veloce
  • GPS
  • Connettività Bluetooth, ANT+ e Wifi
  • Consigli di idratazione e nutrizione

PUNTI DEBOLI

  • Display non touch screen
  • Pulsanti poco responsivi
Batterie incluse:  Sì
Display: Senza touchscreen
Dimensioni display: 2.6”
Dimensioni: 8 x 2 x 5 cm

Se state cercando il miglior ciclocomputer economico e senza troppi fronzoli, il CatEye Velo wireless è un’ottimo dispositivo in grado di misurare i dati principali, come la velocità attuale e quella media, la distanza e il tempo impiegato. È anche molto semplice da usare e viene fornito con un supporto di fissaggio molto sicuro. L’ampio display mostra set di dati con due sole informazioni alla volta. Scorrere per visualizzare gli altri dati è abbastanza facile, grazie al pulsante centrale.

Il CatEye Velo non è sicuramente il ciclocomputer più sofisticato sul mercato e non è dotato di GPS, ma fa un buon lavoro con la misurazione dei dati ed è l’ideale per chi sta cercando qualcosa di non troppo complicato, o per chi si avvicina al ciclismo per la prima volta. La sua miglior qualità è senza dubbio la precisione dei dati registrati.

Un altro parametro che misura è il consumo calorico, anche se questo è da intendersi come una stima approssimativa, vista l’assenza di cardiofrequenzimetri e dei dati personali su cui basarsi. 

Una particolarità unica di questo ciclocomputer è il calcolo di quante emissioni di carbonio sono state risparmiate utilizzando la vostra bici al posto di veicoli inquinanti, anche se si tratta nuovamente di una stima approssimativa. Tra i difetti, va detto che lo schermo non è retroilluminato, che non è il massimo per i ciclisti che pedalano anche di sera o di notte.

Nel complesso, è semplice da utilizzare e molto affidabile. In commercio esistono ciclocomputer ancora più economici, ma senza le funzionalità di conteggio delle calorie e delle emissioni di carbonio. A nostro avviso, vale la pena spendere qualche euro in più, soprattutto per la sua precisione.

PUNTI FORTI

  • Misurazioni affidabili
  • Molto economico
  • Facile da installare e utilizzare
  • Calcolo delle calorie
  • Calcolo delle emissioni di carbonio risparmiate
  • Funzione di risparmio energetico

PUNTI DEBOLI

  • Senza GPS
  • Schermo senza retroilluminazione
Batterie incluse:
Display:Cristalli liquidi 
Touchscreen:No
Dimensioni:5.5 x 3.7 x 1.65 cm

Se desiderate un ciclocomputer economico ma che offra anche il GPS il CycPlus G1 è un’ottima opzione ad un prezzo contenuto. Dotato di design quadrato, classificazione di impermeabilità IPX6 e schermo da 2”, è uno dei ciclocomputer più convenienti sul mercato per coloro che cercano uno strumento facile da usare. Non registra le corse e non può essere collegato a sensori, ma misura tempo, velocità e distanza con precisione soddisfacente.

La batteria può essere ricaricata con cavo USB e offre fino a 10 ore di autonomia. Il fissaggio è simile a quello dei ciclocomputer Garmin e ci sono praticamente zero movimenti e oscillazioni. Un altro aspetto positivo è la presenza della retroilluminazione, sebbene questa non sia distribuita uniformemente in ogni punto dello schermo e rimanga sempre accesa, anche in condizioni di luminosità intensa. Considerato il prezzo, ci sembra tutto sommato un difetto accettabile.

Il ciclocomputer GPS CycPlus G1 appartiene alla categoria wireless: ciò significa che non dovrete installare magneti o sensori, basta agganciare il supporto al manubrio e il computer calcolerà velocità, distanza e altitudine direttamente dal segnale GPS.

Lo schermo ha un layout a tre griglie che è semplice da leggere. Considerato il costo, è facile perdonargli qualche difetto e nel complesso è il ciclocomputer ideale per i ciclisti che vogliono tenere traccia di velocità e distanza in modo abbastanza accurato.

PUNTI FORTI

  • Solido e ben costruito
  • Economico
  • GPS
  • Impermeabile (con classificazione IPX6)
  • Batteria con molta autonomia
  • Semplice e intuitivo da utilizzare

PUNTI DEBOLI

  • Retroilluminazione non uniforme
  • Dimensioni dello schermo ridotte
Batterie incluse: Sì
Display:Senza touchscreen
Dimensioni display:2”
Dimensioni:12.9 x 9.9 x 3.4 cm

Il ciclocomputer Bryton riesce nel compito di offrire una vasta gamma di funzionalità avanzate restando in una fascia di prezzo intermedia. Sfruttando la connettività ANT+ e Bluetooth consente di connettersi a sensori e misurare potenza, velocità, cadenza e frequenza cardiaca.

Si ricarica tramite USB e grazie alla sua impressionante autonomia fino a 35 ore si farà apprezzare da coloro che amano fare lunghe uscite in mountain bike, anche di più giorni. Per quanto riguarda il display, la dimensione è di 2,3” e non c’è la funzionalità touchscreen: si naviga nelle informazioni utilizzando i bottoni (due posti agli angoli inferiori e due sul retro).

Bryton Ryder è in grado di analizzare varie tipologie di informazioni riguardanti energia, altitudine, distanza, velocità, tempo, potenza e analisi di pedalata. Questo ciclocomputer è compatibile con l’app Bryton Active, con cui può essere accoppiato velocemente tramite Bluetooth. In questo modo avrete il vantaggio di poter visualizzare i dati sul telefono anziché sul display del ciclocomputer, che non essendo molto grande a volte potrebbe sembrare un po’ caotico.

Nel complesso si tratta di un ottimo strumento, conveniente e con funzionalità premium, a patto che non vi interessino le mappe. I suoi punti di forza sono la connettività tramite sensori e l’autonomia molto estesa, oltre al gran numero di misurazioni disponibili. In abbinamento con l’app Bryton Active potrete anche visualizzare gli avvisi di ricezione di e-mail o sms sul vostro ciclocomputer associato. Un buon compromesso per chi cerca di più, ma non è pronto per il grande salto (e la grande spesa) dei ciclocomputer top di gamma.

PUNTI FORTI

  • Funzionalità top di gamma ad un prezzo contenuto
  • Connettività Bluetooth e ANT+
  • GPS
  • Autonomia fino a 35 ore
  • Compatibile con l’app Bryton Active
  • Display retroilluminato

PUNTI DEBOLI

  • Niente mappatura
Batterie incluse: Sì
Display touchscreen:No
Dimensioni display:2.3”
Dimensioni:2.2 x 5 x 8.4 cm

Il Coospo BC017 è buon ciclocomputer di fascia media, è abbastanza leggero con i suoi 68 grammi, dotato di GPS e ricaricabile tramite porta micro-USB sul retro del dispositivo. Il display è semplice e chiaro da leggere.

La configurazione dei sensori ANT+ esterni non potrebbe essere più semplice: basta tenere premuto il tasto destro e lo schermo inizierà a lampeggiare. Dopodiché, bisognerà premere il pulsante centrale e, dopo qualche istante i sensori dovrebbero registrarsi. 

Un aspetto interessante è il calcolo delle calorie piuttosto accurato, perché effettuato in base ai dati personali inseriti (altezza, peso, età, ecc). Sono disponibili tre schermate che è possibile visualizzare. Quella predefinita mostra la velocità, il tempo, la distanza percorsa e la % di pendenza .

La seconda opzione vi mostrerà la velocità media, l’altitudine e la pendenza media. La terza schermata mostra la velocità massima raggiunta, le calorie bruciate, i km totali percorsi e la pendenza massima raggiunta. È possibile utilizzarlo sia con l’app CoospoRide o in autonomia. Può anche essere utilizzato con Strava.

La durata della batteria stimata è molto buona per il prezzo: il produttore parla di 28 ore di autonomia, che ci è sembrata una stima realistica in fase di test. La precisione della misurazione dei dati è impressionante se li si confronta con quelli rilevati da altri ciclocomputer premium, il che è sicuramente un punto a favore per il Coospo, se state cercando qualcosa sotto i 100 euro. 

Nel complesso, si è rivelato un ciclocomputer affidabile, performante anche sotto la pioggia battente e con una durata della batteria molto estesa, nonostante qualche piccola pecca come l’assenza di mappatura.

PUNTI FORTI

  • Molto preciso
  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • GPS 
  • Connettività ANT+
  • Ottima durata della batteria

PUNTI DEBOLI

  • Niente mappatura
  • App CoospoRide migliorabile
Batterie incluse: Sì
Display touchscreen:No
Dimensioni display:2.3”
Dimensioni:14.4 x 9.2 x 5.5 cm

Come scegliere il miglior ciclocomputer

Determinare quale sia il miglior ciclocomputer non è una scelta semplice, perché ne esistono una grande varietà, e ciascun modello risponde ad esigenze diverse. Il primo passo per fare l’acquisto giusto è proprio chiedersi qual è l’uso principale che farete del vostro ciclocomputer.

Se volete spendere poco e non vi interessano misurazioni troppo precise, ma semplicemente una stima delle vostre performance, ci sono diversi dispositivi che fanno esattamente questo a meno di 30 euro. Al contrario, i ciclocomputer con GPS raccolgono informazioni più complete e precise, in particolar modo per quanto riguarda distanza e velocità.

In generale, quando si acquista un ciclocomputer vale la regola che più si spende, più funzionalità e qualità si otterranno. Una distinzione importante da valutare è relativa ai ciclocomputer con o senza mappe. I primi sono la scelta migliore per coloro che amano esplorare percorsi nuovi o per chi va in mountain bike e non vuole rischiare di perdersi. Se invece siete interessati solamente a conoscere i dati della vostra performance, potete anche spendere meno ed orientarvi su un modello senza mappe.

Naturalmente, più sarà avanzato il modello di ciclocomputer e più funzionalità avrete, non solo per quanto riguarda le misurazioni. Ad esempio, i modelli di fascia alta offrono il touch screen, che semplifica l’uso e permettere di scorrere sulle mappe più fluidamente rispetto ai pulsanti. Altri aspetti importanti da valutare sono la connettività, le informazioni registrate e la presenza o meno di mappe.

Informazioni e dati registrati

Tutti i ciclocomputer forniscono dati sulla velocità e distanza, anche se come abbiamo visto, alcuni sono più precisi di altri nelle misurazioni. Spendendo un po’ di più avrete accesso a dati ulteriori, come ad esempio sui livelli di pendenza, temperatura e calorie bruciate.

Alcuni modelli permettono anche di personalizzare il display e visualizzare soltanto le informazioni di proprio interesse, altri propongono invece una schermata fissa, e potrete accedere agli altri dati attraverso i pulsanti. Tutti i ciclocomputer includono invece dati generici come l’ora e il calendario.

Connettività

I migliori ciclocomputer offrono protocolli ANT+ o Bluetooth per associarsi a sensori o accessori esterni e raccogliere ulteriori informazioni utili. Alcuni modelli funzionano con entrambe le opzioni, altre supportano uno solo dei due protocolli. Se possedete già un sensore, assicuratevi che sia compatibile con il ciclocomputer che volete acquistare.

Mappatura

Alcuni ciclocomputer con GPS offrono la visualizzazione delle mappe, che possono anche essere scaricate sul dispositivo. Se il vostro modello è dotato di una buona connessione e c’è segnale, potrete anche utilizzare Google Maps. Se vi interessa un modello con cartografia, verificate che la memoria disponibile sia abbastanza ampia, le dimensioni dello schermo e valutate l’acquisto di un ciclocomputer con touch screen per scorrere agevolmente sulle mappe.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo voluto raccogliere alcune informazioni utili su come scegliere un ciclocomputer, consigliandovi i migliori modelli attualmente sul mercato. Se siete già esperti dell’argomento, sicuramente avrete già sentito nominare alcuni modelli, ma speriamo di aver fatto chiarezza anche per i ciclisti alle prime armi.

Se vi è piaciuto questo approfondimento, potete dare un’occhiata alle nostre altre guide all’acquisto per il ciclismo:

 

FAQs

1. Quali sono i migliori ciclocomputer per mtb e bici da corsa?
Queste sono i migliori modelli ciclocomputer attualmente sul mercato:

  1. Garmin Edge 830 (ciclocomputer top di gamma)
  2. Garmin Edge 530 (miglior ciclocomputer gps)
  3. CatEye Velo Wireless (miglior ciclocomputer economico)
  4. CycPlus G1 (miglior ciclocomputer GPS economico)
  5. Bryton Ryder (miglior ciclocomputer mtb)
  6. Coospo (miglior ciclocomputer bici da corsa)

2. Qual è il miglior ciclocomputer Garmin per bici?
Se cercate un modello premium e il budget non è un problema, il Garmin Edge 830 è la scelta migliore. Un’alternativa più economica, senza touch screen ma con le stesse ottime funzionalità, è il Garmin Edge 530.

%%footer%%