migliori fili da pesca

Migliori fili da pesca

I fili da pesca non sono tutti uguali. Esistono così tante tipologie, modelli e prezzi differenti che se siete confusi non possiamo biasimarvi. Quando si sceglie il miglior filo da pesca la prima cosa da fare è capire se avete bisogno di un filo in nylon, fluorcarbon o trecciato.

Il nylon è l’opzione più economica, con grande elasticità e meno resistenza. È il filo adatto un po’ a tutte le occasioni ed è la scelta migliore per la pesca nei fiumi, dove i trecciato raccoglierebbe troppi detriti.

Il trecciato, invece, è la scelta ideale per pescare a lunghe distanze. Offre elasticità praticamente nulla, per cui potrete sentire i movimenti del pesce. Inoltre, ha elevatissima resistenza. Il suo costo è superiore al nylon, ma viene anche ammortizzato nel tempo.

Il fluorocarbon è il miglior filo da pesca affondante grazie al peso elevato. È meno elastico del nylon, molto rigido e invisibile per i pesci. Scopriamo insieme quali sono i migliori fili da pesca per ciascuna categoria.

Migliori fili da pesca del 2022

Fili da pesca miglioriPrezzoTipologia

Stork HD

Scopri
Fluorocarbon

Akiro

Scopri
Fluorocarbon

SeaKnight

Scopri
Nylon

Trabucco

Scopri
Nylon

SeaKnight W8

Scopri
Trecciato

Fili da pesca migliori: opinioni e guida all'acquisto

Nei prossimi paragrafi vi forniamo utili consigli sui fili da pesca migliori e scopriremo la nostra classifica in dettaglio. Potete cliccare sui link si seguito per consultare le recensioni per ciascun modello, pro e contro e perché acquistarlo.
  1. Stork HD (Fluorocarbon)
  2. Akiro (Fluorocarbon)
  3. SeaKnight (Nylon)
  4. Trabucco (Nylon)
  5. SeaKnight W8 (trecciato)

Questo filo da pesca ha un’elevata capacità di carico, pur mantenendo un peso contenuto. Composto da quattro filamenti per una maggiore resistenza, lo Stork HD vi accompagnerà in molte uscite, anche grazie al rivestimento studiato per proteggerlo da danni causati da scogli o altri possibili ostacoli.

Possiede un’ottima impermeabilità: non assorbe l’acqua e non aumenterà di volume con l’uso. Grazie al design intrecciato l’elasticità è ridotta al minimo e vi consentirà di sentire i movimenti delle vostre prede e reagire di conseguenza. Si adatta bene a tutte le situazioni, sia alle pesca su barca con filo posizionato in verticale, che da riva, con filo in posizione obliqua.

Ottimo per la pesca ed il surfcasting, si tratta della soluzione ideale per chi non vuole compromessi sulla resistenza e durabilità. I colori proposti sono molto accesi, anche se tendono a scolorire a contatto con l’acqua, pur rimanendo visibili.

Il produttore consiglia di avvolgere questo filo sulla bobina utilizzando uno strato di mono, per evitare che scivoli, e di conservarlo lontano dalla luce solare per evitare la perdita di colore.

PUNTI FORTI

  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Molto resistente
  • Materiali di qualità
  • Colori vivaci
  • Intrecciato con quattro filamenti
  • Adatto al surfcasting

PUNTI DEBOLI

  • Tende a scolorire col tempo

Questo filo da pesca in fluorocarbon realizzato in nylon è stato progettato appositamente per i terminali, poiché si mimetizza in acqua e risulta invisibile ai pesci. Arriverà a casa vostra con tre misure differenti, a seconda del tipo di pesca:

  • diametro 0.31 – Kg 7,800
  • diametro 0.35 – Kg 10,075
  • diametro 0.41 – Kg 14,040

Ciascuna delle tre confezioni misura 50 metri e le scatole sono riutilizzabili per trasportare piccoli accessori da pesca. Il filo Akiro si caratterizza per l’elevata resistenza e la scarsa memoria. Come tutti i nylon, tende ad essere elastico, con una percentuale di allungamento stimata al 24,1%. 

Principalmente viene consigliato come filo per l’utilizzo nei terminali, ma nulla vieta di inserirlo completamente in bobina, se il nylon è la vostra preferenza. Sott’acqua appare completamente invisibile ed ha una buona resistenza ai nodi. Nel complesso, un buon fluorocarbon nella fascia di prezzo economica.

PUNTI FORTI

  • Resistente
  • Miglior filo da pesca per terminali
  • Invisibile
  • Scarsa memoria
  • Economico
  • Tre misure disponibili

PUNTI DEBOLI

  • Poco affidabile se si supera il carico indicato

Il brand SeaKnight realizza fili da pesca particolarmente resistenti nel tempo e la linea Blade non fa eccezione. Realizzato in 100% nylon, misura 500 metri e il punto di rottura è indicato sulla confezione per ciascuna misura. Il trattamento a membrana ne prolunga la durata e permette al filo di affondare più rapidamente.

Si tratta di un filo da pesca piuttosto resistente, e come ogni nylon è adatto a qualsiasi situazione. Abbiamo molto apprezzato il fatto che non si arriccia, mentre l’elasticità è piuttosto evidente, ma questo è un aspetto da mettere in conto con questo tipo di materiale.

Anche la resistenza al nodo è ottima. Potrete utilizzarlo sia per legarlo all’estremità di un trecciato, sia come filo da pesca principale. Consigliamo l’acquisto a chi cerca un nylon con carico di rottura molto elevato, tenuta ai nodi e discreta elasticità.

PUNTI FORTI

  • Nylon di qualità
  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Elevato carico di rottura
  • Affonda rapidamente
  • Resistente ai nodi

PUNTI DEBOLI

  • Come ogni nylon, è piuttosto elastico

Questa lenza si presta molto bene per svariate tipologie di pesca, dal surfcasting allo spinning. Può essere utilizzato sia sui mulinelli che per la costruzione di lenze. La sua miglior qualità è sicuramente l’elevata resistenza all’abrasione.

Offre un’ottima tenuta quando viene annodato e si imbobina facilmente. La memoria è ridotta al minimo. Il filo da pesca Trabucco Max Plus misura 150 metri ed è inserito in una bobina che resiste all’azione aggressiva dei raggi ultravioletti.

Presenta un diametro di 0,20 e ha un carico di rottura stimato a 4 kg. Un ulteriore segnale della qualità del prodotto è la garanzia di due anni che accompagna il prodotto, che ci fa ben sperare per la sua longevità. Il prezzo è ottimo e ci sentiamo di consigliarlo a chi cerca un nylon resistente e affidabile per tutti gli usi e la pesca in acqua dolci e salate.

PUNTI FORTI

  • Molto resistente per un nylon
  • Memoria minima
  • Involucro resistente ai raggi UV
  • Rapporto qualità prezzo
  • Versatile

PUNTI DEBOLI

  • Niente

Il trecciato da pesca SeaKnight W8 offre un assorbimento dell’acqua praticamente nullo e presenta tutte le caratteristiche di un buon trecciato: buon affondamento, zero allungamento e percezione immediata dei movimenti del pesce.

Grazie all’elevata resistenza al nodo può essere impiegato in ogni ambito di pesca. SeaKnight ha trattato la membrana di questo filo per far sì che la resistenza al vento sia minima durante i lanci e che la resistenza all’abrasione sia al top. Inoltre, il trattamento della membrana ha migliorato notevolmente la scorrevolezza, riducendo l’attrito con l’anello di guida dell’asta.

Nel complesso, lo consigliamo lo consigliamo a chi cerca spessori sottili ma non vuole rinunciare alla resistenza ed alla sensibilità, garantita anche dal poco allungamento di questo trecciato.

PUNTI FORTI

  • Scarsa elasticità
  • Molto resistente
  • Carico di rottura elevato
  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Trattato per migliorare la scorrevolezza

PUNTI DEBOLI

  • Perde un po’ di colore, anche se meno rispetto ad altre lenze

Come scegliere i fili da pesca migliori

Scegliere il miglior filo da pesca per la vostra prossima uscita sembrerebbe abbastanza semplice, considerato che ci sono solo tre tipi di lenza. In realtà, più ci si addentra nell’argomento più ci si rende conto che esistono tantissime varianti, modelli, colori, marchi e sottocategorie che complicano la decisione.

Scopriamo insieme le differenze principali fra i tre tipi di lenza: monofilamento (nylon), trecciato e fluorocarbon, e le occasioni in cui conviene usarli.

Monofilamento

Il monofilamento è una delle scelte più versatili ed economiche ed è adatto in una grande varietà di situazioni, sia per la pesca in acqua dolce che salata.

Si tratta di una delle scelte migliori per i principianti, considerato che è semplice da lanciare. Tende ad aggrovigliarsi molto meno rispetto sulla bobina alle altre tipologie di filo, che è un altro punto a favore per i pescatori principianti. Senza contare che, in caso di grovigli o rotture, potrete sostituirlo senza gravare sul portafogli vista la sua convenienza.

Il monofilamento di solito offre anche maggiore galleggiabilità rispetto ad altri tipi di lenza ed ha anche più elasticità, circa il 15-30% a seconda del marchio e dello sforzo di rottura. A seconda del tipo di preda, avere una maggiore elasticità può aiutare a tenere il pesce all’amo.

Oltre ad essere conveniente dal punto di vista economico, facile da usare ed elastico, il filo monofilamento è anche molto resistente all’abrasione ed è dunque la scelta ideale per chi pesca vicino a rocce o qualsiasi tipo di ostacolo rigido.

Il mono è un’ottima scelta sia come filo principale che come leader, ed offre anche ottima resistenza contro il morso dei pesci che tentano di divincolarsi.

Trecciato

Rispetto ad altre lenze, il trecciato ha un diametro inferiore, che fa sì che se ne possa avvolgere di più sulla bobina di un mulinello da pesca. Inoltre, è molto morbido e con zero memoria e dunque si comporta meglio in fase di lancio. Il diametro ridotto si ottiene utilizzando più filamenti, solitamente a quattro, otto, dodici o sedici fili. Questi sono intrecciati insieme per formare una linea molto più sottile ed elastica.

Queste caratteristiche lo rendono un’ottima scelta come lenza principale per coloro che vogliono lanciare più lontano o pescare in acque molto profonde. L’allungamento è pari a zero, che si traduce in una maggiore sensibilità e permette al pescatore di sentire qualsiasi morso o esca. La scarsa elasticità verrà sfruttata meglio da coloro che usano una canna da pesca più leggera.

Inoltre, il trecciato è il miglior filo da pesca affondante ed è altamente abrasivo, rivelandosi dunque utile per pescare in acque con molte alghe. Tuttavia, è meno resistente del nylon e dunque non è la scelta migliore per chi pesca vicino alle scogliere o in luoghi dove il filo da pesca potrebbe scontrarsi con ostacoli duri.

Fluorocarbon

Il fluorocarbon è l’ultima tendenza in materia di fili da pesca perché viene attraversato dalla luce e dunque è molto meno visibile ai pesci. Questa caratteristica è particolarmente utile per coloro che pescano in acqua limpide.

Un’altra caratteristica importante del fluorocarbon è la sua resistenza all’abrasione, che lo rende un’ottima scelta negli scenari con molte rocce o ostacoli. Lo svantaggio di questo filo da pesca è che è molto più costoso del mono, anche se viene utilizzato con lunghezze inferiori e dunque tende a durare di più.

Uno degli usi più frequenti del fluorocarbon è in combinazione con il nylon o il trecciato, per far sì che l’estremità della lenza a cui viene agganciata l’esca resti invisibile ai pesci. In questo modo, si sfrutteranno le sue ottime caratteristiche e si ammortizzeranno i costi.

Conclusioni

Giunti alla fine di questo articolo, speriamo di avervi aiutato a fare chiarezza sui migliori fili da pesca in circolazione. E se il vostro equipaggiamento da pesca non include ancora un buon paio di occhiali da pesca polarizzati, vi consigliamo anche la lettura del nostro approfondimento dedicato.

FAQs

1. Quali sono i migliori fili da pesca?
Questi sono i migliori fili da pesca attualmente sul mercato:

  1. Stork HD (Fluorocarbon)
  2. Akiro (Fluorocarbon)
  3. SeaKnight (Nylon)
  4. Trabucco (Nylon)
  5. SeaKnight W8 (trecciato)

2. Qual è il filo da pesca più resistente?
Il trecciato è sicuramente il filo da pesca più resistente. Se pescate in acque con molti ostacoli (rocce, scogli o simili), consigliamo il filo da pesca SeaKnight W8 (trecciato)

%%footer%%